Israel Lobby: la diffamazione continua

CONTINUA LA VERGOGNOSA CAMPAGNA DIFFAMATORIA

A CURA DELLA ISRAEL LOBBY ITALIANA, CDEC e SHALOM

Una lista di proscrizione, con i nomi dei siti più scomodi alla Israel lobby italiana, è stata nuovamente compilata dal CDEC (300 mila euro annui di denaro pubblico stanziati con la raccomandazione di Gianfranco Fini, Shalom aprile 2010), cui la rivista ufficiale delle comunità ebraiche italiane, Shalom, ha dato ampio risalto.

Qui il PDF dell’articolo a firma Stefano Gatti (Cdec) “La Santa Alleanza dei siti dell’odio” (…che è un po’ come il bue che da’ del cornuto all’asino…), apparso nell’edizione di novembre della rivista Shalom.

Si tratta di un articolo carico di odio e astio nei confronti di chi osa contraddire la propaganda sionista, spesso maschera di un razzismo più raffinato inculcato in qualche scuola rabbinica fondamentalista in cui l’odio talmudico verso noi poveri gentili, che ci permettiamo di dissentire e pubblicamente dichiarare il nostro disappunto e critica, nonchè divulgare le notizie di cronaca del genocidio ed espropriazione coloniale della Terra Santa, è palese.

Si legge a chiare lettere, specie nel finale di tale articolo diffamatorio, apparso su Shalom di novembre 2010, il perfido, sebbene puerile, tentativo di criminalizzare il dissenso politico, ideologico, magari teologico, che per quel che ci riguarda, e per quel che riguarda i siti presi di mira, è di carattere ideale e culturale, volto sì a suscitare moti positivi negli intelletti onesti, ma mai a voler evocare azioni di violenza fisica o reazioni scomposte di ogni genere.

E questi signori, che scrivono tali sciocchezze solo per dover giustificare i 300 mila euro loro elargiti da politici generosi (…con soldi non loro ovviamewnte, ma del popolo cornuto e mazziato), sanno bene che se ogni critica o opposizione ideale che viene scritta si dovesse tradurre in violente gazzarre allora si dovrebbe chiudere il Parlamento, i giornali, ritirare dal commercio libri e riviste, oscurare totalmente internet, radio, televisione e via dicendo.

No, lo scopo che gli aspiranti nipotini Nirenstein si prefiggono è darsi una credibilità istituzionale, martellare con le loro menzogne sino a far credere che esse siano verità, e far scivolare dal piano intellettuale a quello criminale (e penale) uno scontro che è ideale.  E mentre alcuni di loro fanno volutamente una gran confusione tra sionismo, ebraismo, negazionismo, semitismo, altri premono per poter avere leggi liberticide più forti anche in Italia, per poter finalmente incarcerare e zittire la dissidenza che si oppone alla Israel lobby.

Questo è terrorismo ideologico, una forma pericolosissima di intolleranza e prepotenza, la quale vorrebbe prendere forma in atti e leggi totalitarie con la scusa dell’antisemitismo. Ed il paradosso è che costoro difendono i più grandi assassini contemporanei di semiti, quelli arabi palestinesi, che continuano quotidianamente ad essere uccisi, drubati, espropriati in casa loro, contro ogni risoluzione ONU e umano buon senso: senza che nessun giornale e telegiornale ne dia notizia, senza che vengano stanziati 300 mila euro per contrastare tale fenomeno veramente antisemita.

A darcene notizia dettagliatamente è pure il quotidiano on-line “Il Velino” (http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=1256752) del 9/12/2010: un sito che pubblicizza anche a spada tratta, in prima pagina, gli OGM della multinazionale Syngenta

Nell’articolo in questione l’articolista del Velino fa un gran guazzabuglio di sigle e siti, suddivisi con evidente malaintenzione ed impropriamente al solo scopo di offendere, denigrare, diffamare, intimorire.

Anche noi siamo classificati, da questi emeriti signori nessuno, come “antisemiti”. Risponderanno di ogni infamia.

Intanto sulle pagine di CiviumLibertas (http://civiumlibertas.blogspot.com/) il Professor Antonio Caracciolo, chiamato in causa come noi, EffeDiEffe, TerraSantaLibera e molti altri ancora, non ha potuto trattenersi dal replicare immediatamente a tali scorrettezze e perfidie a mezzo stampa e web, pubblicando una lettera che vi proponiamo di seguito e che potrete pure leggere direttamente sul suo blog a questo link.

I nostri avvocati, se necessario, faranno il resto. Perchè non è accettabile mettere alla gogna e coprire di fango chi produce informazioni e denuncia crimini di guerra e contro l’umanità, complotti e intrighi internazionali, deviazioni ideologiche e dottrinali, bollandolo semplicemente col marchio di “antisemita”.

Il prof. Caracciolo ben dice: “Si tratta invece di una qualificazione “soggettiva”, di una sorta di “lettre de cachet”, concessa in pratica ad alcuni soggetti, che in questo modo hanno in loro potere e discrezione la libertà di tutti i cittadini e possono instaurare un vero e proprio regime di terrore ideologico“.

Redazionale WebNostrum.com

—    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —

In tempo reale:

Lettera pubblica ex art. 8 legge sulla stampa n. 47/1948 a:

Il Velino, Shalom, Cdec.

Quella che segue è una Lettera che ho appena redatto e che consegno alla Rete, prima ancora di un inoltro formale – sentiti i miei legali – ai destinatari indicati nell’intestazione. Il testo definitivo da spedire potrà avere modifiche. La forma insolita qui adottata è in sintonia con la natura della Rete, dove le notizie corrono con tempi incomparabilmente più veloci di quelli postali. Ed è la Rete che questi Signori vogliono colpire, la Rete che ancora sfugge al loro controllo e alla loro Narrazione del mondo. Noto il tempismo con cui da questi Signori mi giunge l’attacco appena dopo aver deciso io, a mia volta, di aprire un “Osservatorio” ed un Monitoraggio sul Cdec, al quale – si è potuto leggere – sono stati concessi 300.000 euro annui di finanziamento pubblico (fonte: Shalom aprile 2010) su una singolare iniziativa parlamentare, i cui atti per loro natura sono pubblici e su cui si invita il popolo della Rete ad andarsi a documentare.

Ripeto qui quanto già detto e quanto risulta sempre più dal mio Monitoraggio: la qualificazione di “antisemitismo” di cui ci si serve da parte dei cennati soggetti non ha carattere “oggettivo”. È cioè fatica vana trovare una definizione conforme a una realtà oggettiva ed evidente. Si tratta invece di una qualificazione “soggettiva”, di una sorta di “lettre de cachet”, concessa in pratica ad alcuni soggetti, che in questo modo hanno in loro potere e discrezione la libertà di tutti i cittadini e possono instaurare un vero e proprio regime di terrore ideologico. Non meno arbitrario è l’uso del concetto affatto strumentale di «odio», per il quale non mi stanco mai di rinviare al filosofo ebreo Spinoza, che già quattro secoli fa ha potuto smascherare l’imbroglio. Questi Signori mentre si affannano a tacciare gli altri di «odio» – avendolo creato per loro strumento come un apposito titolo di reato – sembrano essere, proprio loro, fino a prova del contrario, i più grandi “odiatori”: lasciando inconsapevolente trapelare di tutto, per suscitarlo negli altri, verso loro stessi, avendone – molto probabilmente – esistenzialmente bisogno. Insomma, per riassumere: come degli esseri che tendono a sbocciare dall’«odio», a vivere nell’«odio», rassegnandosi irragionevolmente ad esistere solo con l’«odio».

Da questi Signori si pretende di mettere a tacere qualsiasi critica a quella costruzione sionista che nasce dalla contrattazione della Dichiarazione Balfour e che durante il Mandato britannico ha avuto modo di costruire il suo edificio, culminato nella “Pulizia etnica della Palestina” nel 1948, fino a “Piombo Fuso” ed alla strage del Mavi Marmara. A darne diretta e qualificata documentazione testimonianza sono non pochi ebrei come Ilan Pappe, Shlomo Sand, Norman G. Finkelstein, Avraham Burg, Jacob Rabkin, Gilad Atzmon, Richard Goldstone e tanti altri. E per tutti costoro, che sono ebrei, Lor Signori coniano il risibile insulto degli «ebrei che odiano se stessi», ma in realtà sono quei «Giusti» che – nel testo biblico – non si riusciva a scovare per scongiurare il destino di Sodoma e Gomorra… È quanto mai evidente l’intenzione e la pretesa di mettere a tacere le montagne di critiche e contestazioni, per nulla episodiche o marginali, con le quali si può ben incrinare l’impianto dello Stato Sionista, pensando di poter precludere ogni critica con l’accusa (penale) di “antisemitismo” e “negazionismo”, tacendo però al grande pubblico come nella sola Germania – su iniziativa e richiesta di Lor Signori – ben 200.000 persone (salvo gradita smentita) sono stati penalmente perseguiti per meri reati di opinione, dal 1994 ad oggi.

In conclusione, non se ne può davvero più… Ed una classe politica che non fosse largamente corrotta dovrebbe ben sapere che il suo compito precipuo è la difesa delle libertà costituzionali, principalmente la libertà di pensiero, senza il cui fondamento non è possibile nessuna democrazia che sia davvero degna di questo nome e non invece uno squallido regime, che si fregia del nome di democrazia, come sempre fanno le peggiori tirannie.

Antonio Caracciolo
CIVIUM LIBERTAS

—    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —    —

Roma, 9 dicembre 2010
Anticipata per E-Mail.
Segue Lettera Formale AR

Spett.le Direzioni:
IL VELINO, SHALOM, CDEC
Oggetto: Art. 8 legge sulla stampa n. 47/1948
 
Poiché in data odierna vedo citato il mio nome nel vostro link:
http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=1256752, e da qui indicate come fonti “Shalom” e Cdec, intervengo nuovamente per far sapere, formalmente, che a seguito di una campagna di stampa promossa lo scorso anno dal quotidiano “La Repubblica” del 22.10.09 e prontamente fatta propria dal nominato Cdec, ho dovuto comparire in data 13 gennaio 2010 davanti al Collegio di Disciplina del Consiglio Universitario Nazionale, dove sono stato “assolto” con formula ampia, per inesistenza del fatto e del diritto. La mia difesa davanti al Collegio si trova da tempo in Rete nel mio blog “Civium Libertas”, che si occupa di problematiche relative alla libertà del pensiero, di ricerca ed espressione nonché di monitoraggio di soggetti vari ed enti come il Cdec, i quali pretendono di poter “monitorare” gli altri senza dover essere a loro volta monitorati. Curiosamente, di questa mia “assoluzione” gli stessi media non hanno voluto dare notizia e non mi è stato chiesto scusa, ma essi persistono in una campagna chiaramente distorcente la realtà dei fatti, dei concetti e delle mie posizioni.
 Ad assoluzione disciplinare avvenuta ho senza indugio promosso azione civile risarcitoria contro il giornalista Marco Pasqua ed il suo direttore Ezio Mauro, che non si sono presentati in giudizio. Contro lo stesso quotidiano è anche in corso una procedura di urgenza ex art. 700 c.p.c. Non aggiungo altro, per riserbo processuale, ma aspetto in Tribunale con pazienza e serenità i convenuti, salvo che non scelgano per la contumacia. Vedo inoltre che gli stessi media, già promotori, insistono su un’identica linea ideologica, mentre io ribadisco e confermo la mia posizione di sempre: in quanto “filosofo del diritto” non mi occupo di storia dei campi di concentramento, ma non esito a schierarmi pubblicamente in difesa incondizionata della libertà di pensiero di chiunque, nonché di espressione, di ricerca, di insegnamento.

Antonio Caracciolo
http://civiumlibertas.blogspot.com/2010/12/in-tempo-reale-lettera-pubblica-ex-art.html

—    —    —    —    —    —    —    —    — —    —    —    —    —    —    —    —    —

 CORRELATI, sul blog del Prof. Antonio Caracciolo:

—    —    —    —    —    —    —    —    — —    —    —    —    —    —    —    —    —
This entry was posted in + ARCHIVIO-All Articles, Attacchi, Complotti, Diffamazioni, Israel Lobby. Bookmark the permalink.

Comments are closed.